I'm sick
Era una ragazza semplice, di quelle che sognano dietro ai libri e alle poesie, e se la vita poi è carogna non importa, una ragione per sorridere la trovi comunque.


- Alessandro Baricco

Volete sapere una cosa? Io davvero credevo all’amore che dura una vita, credevo all’anima gemella, credevo ai “sentimenti”, quelli che leggi negli occhi delle persone che sono troppo timide per dirti che in fondo provano qualcosa per te, o solo che vorrebbero abbracciarti e non lasciarti più andare via. Credevo di essere predestinata a qualcuno, che non importava quanto tempo dovessi aspettare, io mi sarei conservata solo per lui, perchè volevo che potesse dire di avere una donna tutta per sè e solo per sè! Davvero ho creduto che lui vedesse in me ciò che io mi illudevo di trovare in lui, che lui volesse me, mi sembrava di leggerlo nei suoi occhi ogni volta che i nostri sguardi si incrociavano e rimanevano fermi nonostante lo scorrere dei minuti o il silenzio. Ho creduto che le guerre che ci facevamo a parole, ma con il sorriso sempre stampato in faccia, fossero sinonimo di amore, ma che soprattutto fossero il segno più tangibile del fatto che era lui l’uomo a cui avrei voluto legarmi. Ho trascorso mesi a convincermi che nonostante lui si accontentasse di andare a letto con una tale, in fondo voleva me e che sarebbe stata una questione di tempo, ma si sarebbe confessato prima o poi! L’ho aspettato, caspita se lo ho aspettato! Ho cercato di farmi piacere le sue canzoni preferite, di rendermi simpatica ai suoi amici, anche di farlo ingelosire… Conclusioni? Lui non si è mai dichiarato, solo una volta, che inaspettatamente non la smetteva di seguirmi, mi disse che io l’avrei visto sempre come un bambino, un immaturo. Ora non ci vediamo più da tempo, sapete, ho capito che non si può davvero credere di poter leggere i sentimenti delle persone dagli occhi! Non si può pretendere che le persone capiscano cosa provi e cosa pensi solo guardandoti negli occhi! Non basta, capite? Siete esseri dotati di parola, e vi assicuro io avrei voluto dirgli così tante cose in tutti questi anni, in tutti questi giorni! Ci riduciamo a stupidi analfabeti che si illudono di poter leggere dichiarazioni d’amore in un paio d’occhi azzurri o marroni che siano! Tutto questo tempo,tutte queste occasioni perse per correre dietro a qualcuno che in realtà non ha mai voluto me! Dovrei provare rabbia, rancore, per tutte le volte che mi ha illusa di provare qualcosa, per tutte le volte che io stessa mi sono illusa che lui volesse qualcosa da me. E invece adesso non ci credo più, non credo più a niente e la mia vita non la rischio più per nessuno e per niente!

E poi niente, nel bel mezzo di una risata, a fine giornata, ti rendi conto che sei vuoto. E scoppi in lacrime perché non è la vita che volevi, ma hai scordato come la sognavi, a cinque anni, quando pensavi a quanto sarebbe stato bello diventare grandi.

(Fonte: justpret-ending, via openyourlifetotheworld)